Portale del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti

Logo Tuttoconsumatori

logo tuttoconsumatori

Risoluzione controversie 

Alternative Dispute Resolution- ADR

Per risolvere le liti di consumo è possibile ricorrere alle procedure di risoluzione alternativa (in inglese, Alternative Dispute Resolution - ADR) che hanno il vantaggio di offrire una soluzione rapida, semplice ed extragiudiziale alle controversie tra consumatori e imprese. 

Il provvedimento che introduce in Italia una nuova disciplina delle procedure ADR è il decreto legislativo 6 agosto 2015, n. 130 che ha recepito la direttiva ADR per i consumatori 2013/11/UE.

I vantaggi delle ADR consistono nella veloce ed efficace soluzione dei conflitti di consumo e nello snellimento del carico giudiziario dal momento che si procede per vie “alternative” senza ricorrere al giudice. Inoltre, si evita che i consumatori, scoraggiati dai costi e dalla durata del procedimento giudiziario, rinuncino alla tutela dei propri diritti.

Consumatori e imprese hanno così l’opportunità di risolvere eventuali controversie nazionali o transfrontaliere riguardo a contratti di vendita o prestazioni di servizi attraverso un reclamo (una procedura ADR) presso un organismo ADR sull’operato del quale vigila un’autorità competente.

L'Organismo ADR è un organismo pubblico o privato istituito su base permanente, che offre la risoluzione di una controversia attraverso una procedura ADR. È iscritto in un apposito elenco (previsto dall’articolo 141-decies del Codice del consumo) tenuto dall’autorità di competenza.

Visita la pagina del Ministero dedicata e consulta l’elenco degli Organismi ADR.

 

Online Dispute Resolution - ODR

Il Regolamento europeo sulle Online Dispute Resolution (ODR) - regolamento (UE) N. 524/2013 del parlamento europeo del 21 maggio 2013 – riguarda le procedure destinate a risolvere extragiudizialmente le controversie tra imprese e consumatori originate dai contratti di beni e servizi stipulati online.

Insieme, la direttiva europea sulle Alternative Dispute Resolution (ADR) ed il Regolamento (UE) n. 524/20013, costituiscono il pacchetto legislativo ADR-ODR che, per la prima volta, introduce un set coordinato e omogeneo di regole: una piattaforma web online per tutta la Ue e procedure per la risoluzione alternativa delle controversie.

I consumatori e le imprese hanno un punto di accesso unico costituito dalla piattaforma ODR istituita del Regolamento 524 e gestita dalla Commissione europea.  Attraverso organismi ADR che sono collegati alla piattaforma, consumatori e imprese hanno a disposizione un servizio di soluzione alternativa delle controversie di consumo tramite procedure ADR di qualità.

Accedi alla Piattaforma ODR.

Per saperne di più visita il sito del Ministero.

 

Conciliazioni Paritetiche

Tra le procedure di risoluzione delle controversie vi sono le anche quelle previste all’art. 141-ter del Codice del consumo, attuate dalle associazioni dei consumatori: le conciliazioni paritetiche.

La conciliazione paritetica è una procedura di risoluzione delle controversie in materia di consumo attivabile in virtù di protocolli d'intesa sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e l'azienda o associazioni di aziende, per la gestione di specifiche tipologie di controversie che possono riscontrarsi frequentemente nella vita quotidiana.

Il servizio di conciliazione paritetica fornisce un’alternativa veloce e sicura in caso di controversia e risulta essere un’efficace alternativa al procedimento legislativo abbattendo i costi e le tempistiche procedurali.

La conciliazione è caratterizzata dalla presenza di due attori: il conciliatore, che rappresenta il consumatore e il secondo conciliatore, rappresentante dell’azienda in questione. I conciliatori dovranno aiutare e suggerire una soluzione idonea alla controversia, non determinando a priori chi ha torto o ragione.

Leggi tutti gli aggiornamenti sul sito del Ministero.